Guardo il lago Lolog dalla finestra di sala e, gia alle 9:00 di mattina, si vedono le creste bianche delle onde … la giornata si preannuncia molto ventosa! Ci sono due possibilità: rimanere in casa, assolutamente da escludere!, o pescare a spinning. Decido per la seconda opzione, quindi, nel primo pomeriggio, armato di canna, mulinello ed artificiali, salgo in macchina e mi dirigo verso il Rio Chimehuin a circa 25 km.

Nuvole di polvere mista a cenere invadono il fiume … comincio a dubitare della scelta! Un vero inferno! Tento di lanciare l’artificiale controvento e ….. quasi mi ritorna addosso! Non mi arrendo, anche perché in Patagonia il vento non ti abbandona mai, quindi è bene abituarsi subito e, secondo il detto argentino “ si no hay viento, no hay pique “ (se non c’è vento, non hai mangiate), i risultati non tardano ad arrivare. Al terzo lancio della giornata, nel punto di unione di due bracci del fiume, un colpo secco e la canna si piega fino a metà, una bella fario salta fuori dall’acqua … è sempre una grande emozione avere a che fare con trote di questa bellezza. Con molta difficoltà riesco a portarla fino al guadino e la prima “trucha” è nelle mie mani. La guardo in tutta la sua selvaggia bellezza, con colori meravigliosi e pinne a cui, noi in Italia, non siamo abituati. Dopo un’attenta slamatura, con le dovute attenzioni la rilascio. Dopo circa due ore di pesca, ho guadinato due belle fario e quattro iridee, tutti pesci fra i 43 e 48 centimetri, ma ancora, manca il trofeo del giorno. Qualcosa mi dice che la giornata è giusta e che il risultato tanto ambito non tarderà ad arrivare. Finalmente, sulla scia di un albero in mezzo alla corrente, arriva il momento tanto atteso: un colpo secco, già dalla mangiata capisco che è il pesce che cercavo, comincia la battaglia. Lei da una parte tenta di scappare aiutata dalla corrente, io dall’ altra, cerco di portarla a riva. Fortunatamente sto usando una canna da ¾ oz. ( che risulta comunque leggera, per la dimensione di queste trote!), con un trecciato da 15 libbre ed un finale in fluoro carbon 0,33! Dopo circa 10 minuti riesco a spiaggiarla e, finalmente, il pesce che cercavo è mio !!!

MarcoDicembre2015 (02)

Pesca in Patagonia, Pesca a mosca, Patagonia, Fishing Lodge

La guardo e la riguardo, con non poca emozione e dopo la misurazione (58 cm. !!!) e la foto di rito, la rimetto nel suo mondo. Soddisfatto ritorno verso la macchina ammirando il meraviglioso paesaggio che mi circonda, mentre la giornata sta volgendo al termine.

Marco Bellucci (10/12/2015)